February
13

Appello ai volontari per aiutare con studio accademico

Posted on Thursday 13th February, 2014

Dr Gilles Vannuscorps, un neuroscienziato che lavora presso le università di Trento e di Harvard, è alla ricerca di persone con una differenza degli arti per aiutare con i suoi studi:

Appello ai volontari per aiutare con studio accademico

PROGETTO: « NEUROSCIENZE COGNITIVE DELLA DISMELIA » (CNOD)

Lettera d'informazione per il reclutamento di volontari


1.1.  Contesto e obiettivi

Stiamo cercando partecipanti volontari che prendano parte ad un programma di ricerca guidato dal
Dr.  Gilles Vannuscorps, neuroscienziato cognitivo dell'Università di Trento (Italia) ed Harvard
(USA).  Il progetto di ricerca è volto ad indagare le conseguenze che lo sviluppo motorio atipico, in
un contesto di dismelia, può avere sulle rappresentazioni mentali e neurali del corpo umano, degli
oggetti, delle azioni e dei numeri. 

Abbiamo raggiunto approfondite conoscenze in merito alla plasticità neurale ed ai processi cognitivi
sviluppati da persone sorde o non vedenti.  Queste ricerche hanno dato un sostanziale contributo alla
nostra conoscenza del ruolo dell'esperienza visiva e uditiva nell'organizzazione del cervello umano. 
Gli studi sperimentali hanno permesso di comprendere meglio cosa accade nel cervello di persone
sorde o non vedenti mentre compiono diverse attività, incrementando le conoscenze delle strategie
da loro utilizzate per compensare la loro disabilità nella vita di tutti i giorni (ad esempio per
sviluppare un senso della direzione).  Sappiamo che le persone non vedenti "riciclano" parti del loro
cervello, normalmente dedicate al processamento di informazioni visive, per realizzare altri processi
cognitivi, sviluppando eccezionali capacità nel processamento di informazioni uditive o nella
memoria.  Gli studi hanno inoltre permesso di ottenere risultati applicabili al miglioramento delle
condizioni di vita delle persone, fornendo utili informazioni ai familiari e agli insegnati ed
indirizzando lo sviluppo di protesi per gli occhi e impianti cocleari. 

In contrasto, pochi studi hanno investigato le conseguenze dello sviluppo motorio atipico, in un
contesto di dismelia, sulle rappresentazioni mentali e neurali dei concetti di azione, degli oggetti e
numeri (ad esempio la mancanza della possibilità di usare le dita per imparare a contare o calcolare,
l'uso di oggetti con gli arti inferiori, ecc...).  In maniera simile, pochissime ricerche hanno esaminato
le strategie specifiche messe in atto da persone dismeliche nella loro vita quotidiana e le loro
conseguenze a livello neurale e cognitivo.  Al momento l'indagine del ruolo dell'esperienza motoria
nella cognizione umana è il focus di un dibattito teorico particolarmente intenso.  Questi studi sono
necessari anche per comprendere meglio, sviluppare linee guida e assistere più efficacemente le
persone dismeliche (ad esempio, qual'è la miglior alternativa da usare al posto delle dita per
contare? Quali sono le conseguenze delle diverse tipologie di protesi sullo sviluppo dell'area
motoria della mano nelle corteccia motoria primaria? Esiste un reclutamento della aree motorie
cerebrali "inutilizzate" per il processamento di altre tipologie di informazioni e qual'è la
conseguenza di questo presunto reclutamento? ecc...). 

La nostra ricerca mira a colmare queste lacune sviluppando una conoscenza scientifica in tutte
queste direzioni.  Per rendere possibile ciò speriamo di sviluppare al più presto un database di
persone, alle quali la dismelia affligga l'integrità degli arti superiori e/o inferiori, potenzialmente
disponibili ad aiutarci nel raggiungere i nostri risultati. 

1.2.  Procedura

Una volta che l'iscrizione al database sarà completata, verrà contattato/a per le ricerche nelle quali il
Suo profilo corrisponderà ai requisiti richiesti.  A quel punto Le saranno comunicate tutte le
informazioni sullo studio (lo scopo, il periodo nel quale verrà svolto e la durata) in modo che Lei possa consapevolmente scegliere se parteciparvi oppure no.  Alcune ricerche, infatti, sono molto
corte (30 minuti), altre saranno più lunghe.  In alcuni casi le sessioni potranno essere svolte a casa
del partecipante mentre in altri dovranno essere portate avanti nei laboratori dell'Università di
Trento.  Da notare che ogni viaggio che il partecipante al progetto dovrà sostenere sarà rimborsato
totalmente (spostamenti, alloggio, vitto). 

Se dimostrerà interesse nel partecipare allo studio, sarà ricontattato/a dallo sperimentatore, con il
quale pianificherà gli appuntamenti per la realizzazione dell'esperimento.  Il luogo e i tempi per gli
incontri saranno decisi insieme. 

1.3.Protezione dei dati personali e rimborso spese

E' importante notare che:

Questa ricerca rispetta le procedure dell'Università di Trento ed Harvard per la protezione dei
partecipanti che include (1) un'assicurazione che copre la partecipazione a tutte le sessioni di
valutazione e (2) la protezione completa della privacy attraverso l'anonimizzazione dei dati raccolti. 
Ogni informazione raccolta sarà considerata come confidenziale con l'assicurazione del segreto, in
maniera da garantire il totale anonimato dei soggetti. 

La Sua partecipazione sarà rimborsata fino a 10 euro/ora
Sarà libero di interrompere la Sua partecipazione alla ricerca in qualsiasi momento senza bisogno di
giustificazioni. 

1.4.  Come registrarsi?

Se vuole entrare a far parte del nostro database, per favore compili il questionario

Se vuole semplicemente sapere di più o fare delle domande, può contattarmi al seguente
indirizzo:
gilles.vannuscorps@unitn.it, o via Skype: gilles.vannuscorps



Grazie per la Sua collaborazione


Gilles Vannuscorps, PhD


Tags: News Article

COMMENTS HAVE BEEN TURNED OFF FOR THIS ARTICLE!

Most Recent comments

No recent comments

Subscribe by Email

RSS Feed XHTML CSS 508

We are happy to accept donations by direct bank transfer to our account in Sweden: